Fisioterapista- Caracciolo Raffaele

Fisioterapista- Caracciolo Raffaele

Descrizione:

Attraverso l’uso delle mani, l’osteopata cura dolori di varia natura che possono manifestarsi su varie parti del corpo. Le tecniche “manuali” vanno dalla pressione tattile leggere o profonde alle manipolazioni delle articolazioni.

Il campo di applicazione dell’osteopatia è molto vasto, perché tratta tutte quelle affezioni che interessano l’apparato neuro-muscolo-scheletrico e viscerale. Nelle prossime pagine vediamo in particolare cosa cura l’osteopatia.

Cura le affezioni muscolo-scheletriche

«Essendo una terapia olistica, l’osteopatia non interviene direttamente sul sintomo doloroso, ma tratta lo squilibrio che si crea, in seguito per esempio ad un trauma, tra la struttura di un organo e la sua funzione» – spiega l’osteopata Arrigo Tesio – «se ho i muscoli del collo contratti, accuserò dolore e farò fatica a girare la testa: riequilibrando la funzionalità dei muscoli cervicali con opportuni trattamenti manuali, il sintomo dovrebbe sparire».

L’osteopatia in particolare cura:

– dolori cervicali, lombari, dorsali;
– distorsioni alle caviglie e alle ginocchia;
– tendiniti, blocchi articolari, contratture;
– scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, asimmetrie del bacino e della colonna,;
– artrosi delle articolazioni, protrusioni, ernie discali, discopatie;
– tunnel carpale, tunnel di Guyon;
– dolore al coccige
–  reumatismi;
– vari tipi di traumi ecc.

Cura i disordini cranio-sacrali

In particolare:
– emicranie, cefalee (soprattutto se di origine cervicale, ansiogena, digestiva);
– problemi a carico dell’occhio e dell’orecchio: acufeni (ronzii all’orecchio), vertigini, otiti, riniti, nevralgie, dolori retro-oculari;
– stanchezza cronica, astenia;
– disturbi del sonno;
– stress psico-emozionali, alterazione del tono dell’umore (stati d’irritabilità, ansia…);
– disturbi dell’equilibrio.

Tecniche osteopatiche

Sono di vario tipo:
cranio-sacrali: ristabiliscono il meccanismo di respirazione primaria agendo sulle strutture ossee, legamentose, muscolari e fasciali del cranio e del sacro;
viscerali: permettono all’organo di ritrovare la giusta motilità e consentono un corretto riequilibrio dell’influenza viscero-scheletrica;
strutturali: ripristinano la corretta funzionalità articolare.

L’osteopatia migliora i disordini viscerali

In particolare:

– colon irritabile, stitichezza (stipsi), irregolarità intestinale;
– difficoltà digestive, reflusso gastro-esofageo, gastriti,;
– ciclo mestruale doloroso e/o irregolare.

Tempi di guarigione
«I primi risultati si possono già notare dopo le prime 3-4 sedute (di solito a cadenza settimanale) ma nei casi più problematici la frequenza e il risultato possono variare.
Dopo un netto miglioramento della sintomatologia del paziente le sedute vengono diradate a cadenza quindicinale, mensile fino ad arrivare ad incontrare il paziente ogni 3-4 mesi e spesso solo per semplici controlli» – chiarisce l’osteopata Arrigo Tesio.

L’osteopatia cura alcuni disordini che possono insorgere in gravidanza
In particolare:
– edema agli arti inferiori, problemi circolatori degli arti superiori ed inferiori, congestioni venose,;
– dolori lombari e inguinali;
– lombosciatalgie;
– problemi digestivi;
– incontinenza;
– cefalea;
– depressione post-partum, alterzione del tono dell’umore, stanchezza cronica, stress;
– emorroidi.

Interazioni con altre terapie

L’osteopatia può interagire con altre terapie? «Certo, durante il ciclo di terapie osteopatiche, si possono integrare (o mantenere se già in cura) altri tipi di terapia, come quelle farmacologiche, quelle isiche (fisioterapia, agopuntura, shiatzu…), quelle alimentari o i sostegni per la psiche (psicoterpia, couseling…)

 

Contatti:
Caracciolo Raffaele
Cell.: 3890767303
caraccioloraffaele@libero.it
caraccioloraffaele26@gmail.com

Our Brochures

Looking for a First-Class Business Plan Consultant?